The Impossible Project

GUIDA ALLA SCELTA DELLA TUA PRIMA POLAROID - Parte 1

 LA STORICA ICONA DI FINE ANNI '70: POLAROID LAND CAMERA 1000

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un rinnovato interesse nei confronti della fotografia istantanea; dichiarata defunta dalla Polaroid nel 2008 è stata salvata per il rotto della cuffia da un paio di eroici visionari che, acquistando dallo storico marchio l'ultima fabbrica esistente in Olanda nel giorno della sua chiusura e smantellamento, hanno dato vita ad un nuovo progetto chiamato The Impossible Project che si è posto l'obiettivo di dimostrare al mercato che c'è ancora spazio per questo prodotto. La loro scommessa è quella di ottenere entro il 2018 un profitto stabile dalla vendita del nuovo supporto oltre che dal lancio, probabilmente entro la fine del 2015, della prima macchina istantanea targata Impossible che dovrebbe chiamarsi I-1 ma di cui ancora si conosce veramente poco.

Intanto il mercato dell'usato, in particolare ebay, si è riempito di migliaia di annunci di vendita: in parte di macchine ricondizionate direttamente da The Impossible Project e in parte di resti archeologici emersi da cantine di privati, magazzini di vecchi fotografi e rimanenze dei negozi di fotografia.

Inutile dire che la scelta più sicura sembra essere quella di acquistare da The Impossible Project che sui modelli da loro ripristinati, più cari di quelli che si possono acquistare su ebay, garantiscono la funzionalità della macchina per 1 anno.

The Impossible Project ha però concentrato il proprio sforzo produttivo solo sui supporti che erano rivolti al mercato di massa ovvero lo storico formato quadrato delle Polaroid 600 e SX-70 e quello leggermente più grande delle Polaroid Image/Spectra. In realtà il mondo dei modelli e dei formati per le fotografie istantanee è molto più vasto e articolato quindi, come districarsi?

Al fascino indiscutibile della foto che si sviluppa "quasi" istantaneamente di fronte ai tuoi occhi, va messo di contro il budget di cui possiamo disporre perchè diciamolo chiaramente: la fotografia istantanea è piuttosto dispendiosa specie se paragonata al costo/scatto della fotografia digitale e le cartucce della Impossible non sono da meno.

Una confezione da 8 scatti bn o colore della Impossible costa circa 20 Euro e quindi stiamo parlando di ben 2,50 Euro a scatto! Insomma per chi è abituato a sparare a raffica con la digitale, qui si tratta di cambiare completamente approccio alla fotografia e iniziare a pensare molto a lungo prima di scattare!

Una volta presa coscienza di questo si devono considerare i tipi di macchine Polaroid utilizzabili con queste nuove cartucce e le differenze tra questi e identificare quello che fa esattamente al caso nostro.

Se siete animati solo da curiosità e dal fascino vintage dello scatto quadrato la scelta è semplice: uno qualsiasi dei modelli plasticoni della Polaroid 600 prodotti negli anni '80 e '90; ne esistono di centinaia di colori e con decine di nomi ma alla fine ci troviamo a che fare sempre con lo stesso tipo di macchina.

Più squadrata quella degli anni '80, più stondata dopo la metà degli anni '90, presenta un flash che può essere escluso al momento dello scatto premendo il pulsante secondario posto dietro a quello principale (vedi foto del lato e del fondo) e un regolatore per compensare l'esposizione. Ovviamente l'obiettivo è in plastica ed è equivalente ad un 116mm f/11 a fuoco fisso. In diversi modelli c'è anche la possibilità di selezionare due diverse distanze dal soggetto, funzione utile per i ritratti o close up. Nel modello chiamato 780 che vediamo in queste foto possiamo notare il bonus della presenza sul fondo della macchina dell'aggancio a vite per il cavalletto.

Il prezzo delle Polaroid 600 è relativamente basso; con un po' di pazienza, si riescono a prendere su ebay anche per 20 euro, ma vi consiglio di spendere qualche euro in più per assicurarvi che la macchina in vendita sia stata testata, che i rulli di espulsione siano in ordine e che non abbia difetti nella lettura esposimetrica della scena. Diffidate dei venditori che scrivono che non hanno potuto testare la macchina perchè non hanno i supporti per provarla. I supporti esistono, sono quelli della Impossible e fare una prova è dunque molto facile!

La cartuccia Impossible 600, utilizzabile in queste macchine, è arrivata alla versione 2.0 per il bn e ha una formula migliorata anche per il colore, il produttore garantisce una migliore resa e un tempo di sviluppo più rapido, rispetto alla precedente versione; ha, come intuibile, una sensibilità di 600 ISO e quindi si presta agilmente a diverse situazioni di luce.

La produzione delle cartucce è ormai ben avviata e ben distribuita anche nei negozi di fotografia, quindi l'acquisto di macchine di questo tipo vi potrà garantire una facile reperibilità dei supporti nel lungo periodo a fronte di un basso investimento di partenza. Non c'è niente di meglio che posso consigliarvi per fare il primo passo di avvicinamento al ritrovato mondo delle Polaroid!

Per approfondimenti:
The Impossible Project;
Wiki - Impossible Project;
Wiki - Modelli di Polaroid